in

Come proteggere il tuo account Instagram

Instagram sta diventando sempre di più uno strumento di comunicazione universale e considerevole fonte di guadagno per molti. Sono sempre di più, infatti, gli influencer che riescono a trarre interessanti profitti dalla loro presenza online.

Una presenza costruita sicuramente grazie a talento, preparazione e tantissima tenacia. Followers dopo followers, scalando le classifiche degli influencer della propria nicchia, ci si ritrova ad un certo punto con la possibilità di ricevere compensi in denaro per parlare di un certo prodotto, per sponsorizzare una determinata iniziativa.

Abbiamo già visto in un articolo precedente quali sono le cose da sapere per iniziare a monetizzare la propria popolarità su Instagram. Vediamo qui invece come bisogna fare per proteggere il nostro account. La messa in sicurezza del proprio profilo Instagram è infatti un passaggio fondamentale per non rischiare di perdere tutto quanto si è costruito col duro lavoro.

Proteggi il tuo telefono per proteggere Instagram

Se sei come la maggior parte degli utenti, anche tu utilizzi il tuo smartphone per accedere e pubblicare su Instagram. Di conseguenza, è proprio il tuo telefono il mezzo di accesso più facile e purtroppo vulnerabile. Tutta la tua sicurezza online, quindi, dipende da come stai proteggendo il tuo smartphone da possibili attacchi.

E’ quindi assolutamente tassativo implementare un sistema di controllo di accesso sul proprio telefono. Benissimo abilitare il riconoscimento dell’impronta digitale. Sia i sistemi Apple che Android offrono modalità molto semplici per abilitare il riconoscimento digitale, ad esempio qui trovi un’ottima guida per Apple e qui un’altra per Android.

Come scegliere una password sicura per instagram

Quando un hacker entra nel tuo profilo Instagram lo fa usualmente perché riesce ad indovinare la tua password. Sembra incredibile, ma la realtà è che il più delle volte si scelgono delle password per Instagram troppo semplici, magari che includono il vostro pseudonimo, la data o il luogo di nascita. Si tratta di informazioni fin troppo rintracciabili. Un hacker con qualche anno di mestiere sa infatti costruire dei sistemi automatici che, provando con la “forza bruta” proveranno ad entrare nel tuo profilo Instagram provando una dopo l’altra, tutte le combinazioni più probabili di password.

Ecco quindi l’importanza di scegliere per Instagram una password che sia non già utilizzata da un’altra parte (altrimenti bucano l’altro sito e siete fritti) e che contenga una combinazione di lettere, numeri e simboli che non sia banale.

Lo so bene che questo richiede uno sforzo aggiuntivo, perché una password non banale poi è difficile da memorizzare. Vi segnalo a questo proposito lastpass.com, sito riconosciuto ad altissimi livelli di sicurezza in tutto il mondo che vi può dare una mano nel generare password a complessità crescente

Abilitare l’autenticazione a due fattori

E’ un’opzione che Instagram ci mette già a disposizione: dobbiamo solo imparare ad usarla. Per farlo, ci basterà cliccare sulla rotellina delle impostazioni in alto a destra. Quindi fate tap su “Autenticazione a due fattori” e il gioco è fatto!

Attivate l’opzione “Richiedi codici di sicurezza” e poi fate tap su “Ricevi i codici di backup”. Vedrete i vostri codici di sicurezza ad 8 cifre. Annotateli mentalmente oppure memorizzateli da qualche parte (che però non sia il vostro stesso telefono!) in modo da averli a portata di mano al momento opportuno.

Fate attenzioni alle app terze parti Instagram

Le app di terze parti sono tutti quei programmini che ci può capitare di attivare, anche inavvertitamente. Di solito sono piccole app che promettono di aiutarci a fare più follower (es. Captivate) oppure qualcosa di più ricreativo tipo semplici giochi.

Installarle è facilissimo, mentre toglierle è più complicato. Queste app vanno a leggersi tutte le info del nostro profilo e possono potenzialmente interagire anche con i nostri post, prendendo letteralmente il controllo del nostro account Instagram.

Il rischio con queste app terze parti è duplice. In primis, potrebbero essere esse stesse “malevole”: per un periodo danno il servizio che promettono ma in realtà stanno semplicemente accumulando migliaia e migliaia di profili che poi utilizzeranno in un secondo momento.

In seconda battuta, le app terze parti potrebbero anche essere “oneste” ma il rischio qui è che sono delle piccole software house con criteri di sicurezza a volte un po’ approssimativi. Di conseguenza succede che l’hacker riesce a “bucare” la software house stessa, guadagnando così l’accesso a tutti i profili controllati.

Cosa fare contro le app terze parti potenzialmente minacciose? Andate nelle impostazioni Instagram e fate logout di tutte quelle che non vi servono realmente. Su TheVerge.com trovate una guida passo-passo su come fare.

Il mio account Instagram è al sicuro?

Beh, se hai messo in pratica tutti i consigli esposti in questo articolo puoi dormire sonni tranquilli. Una password forte, l’autenticazione a due fattori, lo smartphone ben custodito ed un accesso ad un gruppo ristretto di app ti garantisce un’elevato standard di sicurezza.

E’ chiaro poi che più il tuo business si farà serio, con i guadagni arriveranno nuove tipologie di attacco. Per farti un esempio pensa alle innumerevoli celebrities di hollywood il cui telefono è stato hackerato grazie al bluetooth. Ma qui stiamo parlando di personaggi che guadagnano milioni di dollari l’anno e che potranno ben permettersi di stipendiare lautamente un aggiornatissimo esperto della sicurezza!

Che ne pensi?

1000 points
Upvote Downvote

Scritto da Andrea Carta

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Kim Kardashian: i 7 segreti del suo successo su Instagram

Qual’è l’orario migliore per postare?