in

La bellezza secondo Instagram – Facciamo tutti come Katy Perry

Katy Perry arriving to the KIISFM iHeartRadio’s Jingle Ball 2019 at The Forum on December 06, 2019 in Los Angeles, CA. © O'Connor/AFF-USA.com

E’ incredibile quanto sia ampia la gamma di “bellezze” che si possono trovare su Instagram. Se in un primo momento il social era partito come un touchpoint ad appannaggio solo di bellissimi e bellissime, la diffiusione a livello planetario della piattaforma ha spalancato il palconscenico ad una quantità altissima di idee di bellezza, femminilità/mascolinità e seduzione.


Anzi, nel confronto testa a testa, è proprio la bellezza inarrivabile ed altissima delle top model ad avere la peggio, a tutto vantaggio di celebrities magari meno irraggiungibili, ma più veraci e vicine al pubblico

.
Questo fenomeno d’altra parte è di interpretazione piuttosto immediata: i fan tendono ad affezionarsi di più a personaggi che sono a loro vicini, piuttosto che a stelle lontanissime che splendono di luce propria. Agli occhi dei fan risulta quindi molto più interessante ed attraente il profilo della ragazza “acqua e sapone” che, come farebbe appunto la vicina di pianerottolo, mette in mostra bellezze e difetti del proprio corpo.
La grande top model praticamente perfetta in tutto, dal viso angelico alle gambe lunghissime passando per curve sinuose che sembrano disegnate da Luis Vitton in persona, risulta invece troppo distante, quasi algida. Così irraggiungibile che il fan finisce col pensare “vabbè, ma tanto una così ha una vita diversa dalla mia, non mi capiterà mai di incontrarla per strada e farci quattro chiacchiere”.

Vince quindi la bellezza più ordinaria, che gioca in modo sapiente, tra luci ed ombre di un fisico “normale”. In modo sapiente perché, ovviamente, quasi nulla di quello che poi ha successo è del tutto spontaneo. Si perché dietro all’aspetto “nature” di un profilo Instagram che magari conta milioni di follower non c’è mai dietro la totale spontaneità. La foto non è mai scattata così come sembra. Non è uno scatto rubato al volo mentre ci si preparava per uscire. Al contrario, è uno scatto provato e riprovato ed ogni dettaglio che si vede (e non si vede!) è studiato a tavolino.

Così vediamo eccellere Katy Perry (https://www.instagram.com/katyperry) che, diciamocelo, di straordinario non ha assolutamente un bel nulla, rispetto a qualcosa di incredibilmente inarrivabile come la top Abby Champion (https://www.instagram.com/abbychampion/) che rispetto al 99% delle ragazze sembra un marziano.

Eppure di ragazze con la bellezza di Katy Perry ne possiamo trovare a decine semplicemente uscendo per strada. Non vorrei proprio definirla come “una media bellezza” ma poco ci manca. Riflettete. Prendete una ragazza qualsiasi, giovane e non in sovrappeso. Fatele fare palestra, mettetela in forma. Fatele seguire qualche corso di canto. Vestitela in modo curato, truccatela in modo top. Insegnatele a comportarsi come una vera star. Et voilà, avete fabbricato la celebrity perfetta in provetta.
Cosa possiamo dire invece su Abby Champion? Non ne troverete una uguale doveste andarvene in giro per settimane e settimane. La sua è una bellezza rara, da superdotata. DNA coi fiocchi. Ma su Instagram la ragazza non sfonda. Stiamo parlando di 150 milioni di fan contro 300 mila! Secondo Instagram Katy Perry è 500 volte più interessante/monetizzabile/piacevole/etc.. di Abby Champion!

Ergo, sapete cosa vi dico? Andiamo tutti nella direzione di Katy Perry! E’ fattibile, non ci vuole neppure troppo impegno e, in ultima analisi, ci arricchisce di più il portafogli!

E volete un’altra bella notizia? Di casi come la Perry Instagram è pieno. Cito ad esempio Taylor Swift (http://instagram.com/taylorswift) o Kourtney Kardashian (http://instagram.com/kourtneykardash) o Demi Lovato (http://instagram.com/ddlovato). Instagram, in pratica, ha dimostrato che può offrire un palcoscenico notevole, in termini di notorietà e ricavi, praticamente aperto a chiunque. Chiunque che decida di seguire alcune regole d’oro, così come hanno fatto già migliaia di celebrità.

Quali sono queste regole d’oro? Ormai dovrebbe essere chiaro: identificare con precisione il tipo di bellezza che ci può meglio rappresentare, e battere con decisione la strada della promozione (orgogliosa e sfacciata) dei propri punti di forza, facendo a volte anche leva su quelli di debolezza. Dove brilliamo, otterremo apprezzamento ed ammirazione, dove siamo carenti riusciremo a suscitare empatia e vicinanza.

Che ne pensi?

902 points
Upvote Downvote

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Chi è Jessie Mei Li alias Alina Starkov

Inizia subito l’allenamento per disegnare il tuo corpo